IMG 20171130 141344 Resized 20171201 044637037

Workshop all’Università di Berna: “L’importanza dell’economia solidale per lo sviluppo dell’agricoltura biologica in Europa ieri ed oggi”

Il 30 novembre e il 1 dicembre 2017 Fondazione IRIS, nelle persone di Maurizio Gritta e Franco Stuani, ha partecipato ad un workshop intitolato “L’importanza dell’economia solidale per lo sviluppo dell’agricoltura biologica in Europa ieri ed oggi”, organizzato dall’Università di Berna e dal CDE (Centre for Development and Environment – Centro per lo Sviluppo e l’Ambiente) a Grosshöchstetten (Svizzera). Scopo del workshop era quello di illustrare i risultati della ricerca svolta a livello Europeo dalla Fondazione Stiftung Mercator Schweiz sulla relazione esistente tra economia solidale, accesso alla terra e agricoltura biologica, ricerca che si sviluppa a partire da 5 paesi europei: Austria, Francia, Germania, Italia e Svizzera.

Al workshop hanno preso parte studiosi, universitari, produttori biologici, cooperative, associazioni e consumatori, provenienti dai cinque Paesi dove si è sviluppata la ricerca, la cui partecipazione è stata facilitata dalla traduzione simultanea degli interventi.

Il movimento che si è formato in questi anni a partire da qui, è un movimento concreto che va oltre l’ideale, non si basa su logiche di partito ma si appoggia a chi ne condivide gli obiettivi. Per quanto riguarda l’accesso alla terra, è stato portato l’esempio ben riuscito della Francia, dove molti terreni sono divenuti bene comune e convertiti in agricoltura biologica.

Anche le attività svolte durante il workshop sono state improntate a quella concretezza che caratterizza il movimento, durante le quali Fondazione IRIS ha avuto la possibilità di presentare il suo progetto, con particolare attenzione alle azioni mutualistiche, dimostrazione pratica di come accesso alla terra, agricoltura biologica ed economia solidale vadano di pari passo.

Data l’importanza degli obiettivi preposti, il professor Stephan Rist, responsabile del progetto, e la sua collaboratrice, Bettina Scharrer, hanno sottolineato la necessità di un sostegno economico per continuare su questa strada.

Al termine delle due giornate sono state tratte alcune conclusioni comuni: riaffermare la forza del cambiamento insita nell’economia solidale, nell’accesso alla terra e nella demercificazione del cibo.

Il professor Stephan Rist e la sua collaboratrice Bettina Scharrer

Il professor Stephan Rist e la sua collaboratrice Bettina Scharrer

IMG_20171130_141344_resized_20171201_044637037