Ortoterapia – attività svolta a Cremona c/o Centro Diurno Integrato

Foto2

I benefici dell’ortoterapia per gli anziani

A cura della dott.ssa Sabrina Dellavalle, operatore di ortoterapia presso il Centro Diurno Integrato di Cremona Solidale

Nel 1988 viene istituita l’American Horticultural Therapy Association (AHTA), che istituzionalizza la “disciplina dell’orticoltura terapeutica”. Oggi i benefici della terapia orticolturale sono ufficialmente riconosciuti: essa può apportare significativi risultati per lo stato psico-fisico di anziani, di persone disabili o con fragilità psichica, di soggetti svantaggiati (per approfondimenti si veda la bibliografia).

La scorsa primavera, su iniziativa di Fondazione Iris, è stato avviato un progetto sperimentale di ortoterapia rivolto agli anziani del Centro Diurno Integrato di Cremona Solidale. Il progetto coinvolge una ventina di anziani, mentre le attività, coordinate dalla dott.ssa Sabrina Dellavalle, vedono la collaborazione di un’equipe costituita da personale infermieristico, educatori, operatori socio sanitari, sotto la supervisione della dott.ssa Roberta Barilli, coordinatore sociale.

LE MOTIVAZIONI ALLA BASE DEL PROGETTO

L’ANZIANO CHE SI PRENDE CURA DELLE PIANTE:

  • DISTOGLIE L’ATTENZIONE DAI PROPRI PROBLEMI
  • SI OCCUPA DI UN ALTRO ESSERE VIVENTE
  • SI RENDE CONTO DI POTER FARE ANCORA QUALCOSA E RIACQUISTA L’AUTOSTIMA
  • SVOLGE ATTIVITÀ FISICA “DOLCE” CON LE MANI E COORDINA I MOVIMENTI DEL CORPO
  • FA QUALCOSA DI BELLO, CIRCONDATO DALLA BELLEZZA DELLA NATURA
  • PASSA IL TEMPO INSIEME AD ALTRE PERSONE, IN GRUPPO DIMENTICA LA SOLITUDINE E CONDIVIDE INTERESSI

LE ATTIVITÀ NELL’ ORTO DEGLI INCONTRI:

  • Incontri tra anziani, con altre persone, con altre vite ed esperienze. “Raccontiamoci” … mentre soggiorniamo o lavoriamo nell’orto.
  • Incontri con bambini che sono venuti a trovarci nell’orto: generazioni a confronto e laboratori con piantine
  • Incontri con la lettura: poesie nell’orto
  • Incontri e scoperte: anche gli ortaggi e i fiori comunicano, “parlano” tra loro, si trasmettono profumi, odori, essenze. Le consociazioni.
  • Incontri a tavola: i nostri ortaggi e la cucina. Ricette sfiziose.
  • Incontri con il benessere: le proprietà benefiche delle piante.
  • Incontri con la fantasia: laboratori con materiali e prodotti naturali.

Alcune foto dell’attività svolta, si prevede di redare un diaro di lavoro significativo ed esplicativo del progetto svolto nell’anno 2014.

 

Bibliografia

AHTA (American Horticultural Therapy Association) www.ahta.org

Cooper Marcus Clare e Marni Barnes, Haelings Gardens – Therapeutic benefits and design recommendations, Hhon Wiley & Sons, New York, Chichester, Weinheim, Brisbane, Singapore, Toronto, 1999

R.L. Haller e C.L. Kramer, Hortucultural Therapy Methods: Making Connecttions in Healt Care, Human Service and Community Programs, The Haworth Press, New York, London, Oxford, 2006

Borghi Cristina, Il giardino che cura, Giunti Editore, Firenze, 2007

Hank Bruce, Il giardino dei sensi. Introduzione all’ortoterapia. Orti e giardini: luoghi di benessere e terapia, Macro Edizioni, Cesena, 2009

A.A.V.V. Quaderno di ortoterapia, Scuola Agraria del Parco di Monza, febbraio 2012